La codipendenza affettiva è un cancro

Quando dicevo in un altro mio articolo che l’anima gemella non esiste e non deve esistere, lo affermavo e lo affermo tutt’ora perché sembra essere una via di fuga dalla dipendenza affettiva verso un partner, una dipendenza che può distruggere la persona come individuo singolare e unico quale siamo tutti.

La dipendenza porta ad una ripetizione ossessiva di comportamenti deleteri, e che l’oggetto in cui si investe non sia droga, cibo o alcool ma un’altra persona non la rende meno pericolosa.

La codipendenza affettiva è una sorta di cancro maligno impalpabile, lentamente mangia la tua indipendenza e capacità di sopravvivere da soli. Non è una situazione solo femminile, è anche maschile, che ti porta a legare la tua esistenza a quella di un altro in modo incondizionato. Ti annulli sempre di più. Nel caso più grave tanto da accettare anche violenze sia psicologiche che fisiche.

Una bassa autostima, insicurezza sono fondamenta sulle quali gettare le catene che costringono a mettersi all’ultimo posto rispetto all’altro, a rimandare la vostra vita, a non perseguire ciò che vi farebbe realizzare e darebbe supporto vero alla vostra esistenza.

Non è facile rendersene conto in fondo è una situazione comoda, dà una sorta di sicurezza quanto la testa di struzzo sotto terra: non vedo, non affronto i cambiamenti e mi nascondo dietro le necessità dell’altro, così la vita passa e tu invece di viverla da protagonista diventi una comparsa di poca rilevanza.

Se non prendi in mano la tua vita, ci sarà sempre qualcuno che lo farà al tuo posto e non sempre le decisioni che prenderà saranno le migliori per te.

Credere invece alla predestinazione ad amare quell’uomo o quella donna, porta ad assumere una serie di atteggiamenti che conducono allo sforzo di rimanere insieme in qualunque caso anche se l’altro diventa nocivo. L’anima gemella non esiste e non deve esistere, nei rapporti d’amore la codipendenza distrugge, e non parliamo del romantico struggersi per amore, ma un vero e proprio annientamento della persona. Volersi bene è il primo passo!

Alla prossima!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...