Il giglio nel campo e l’uccello nel cielo di S. Kierkegaard

Ho pensato di condividere con voi la mia bibliografia, ovvero quei libri che mi hanno colpito particolarmente, che mi hanno insegnato qualcosa sulla vita. Cercherò di non condividere tutti quelli che mi piacciono ma quelli che portano con sé messaggi importanti e che non possono lasciarci indifferenti.

Questo mese voglio parlarvi di Il giglio nel campo e l’uccello nel cielo di Kierkegaard

b1f5eee6060a368cc3d62499350e0001_w600_h_mw_mh_cs_cx_cy
Lo trovate su IBS a 16,15€

Premetto che non serve aver studiato filosofia per leggerlo, si presta a tutti gli spiriti sensibili e che cerchino risposte diverse alla fatidica domanda: che senso ha vivere? Come dovrei vivere per essere felice? Come combatto l’angoscia per il futuro?

Il libro contiene discorsi che si rifanno alla religione cristiana: infatti il primo discorso Il giglio nel campo e l’uccello nel cielo si basa sul Vangelo di Matteo (6,24-34) e io che non sono cattolica vi assicuro che sono di una bellezza incredibile. Il filosofo danese prende in esame la vita di un uccello e quella del giglio a cui tutti noi dovremmo ispirarci, infatti entrambi non si preoccupano per il futuro, non si angustiano per ciò che deve ancora accadere, ma esistono semplicemente, al loro massimo delle potenzialità. Infatti un giglio anche se fosse destinato a nascere in mezzo ad un territorio inospitale e vivere pochi istanti, lo farebbe in tutta la sua bellezza (obbedirebbe a Dio), fino a che gli sia possibile fiorire e mostrarsi al mondo per quello che è.

Un uomo, oppure noi uomini saremmo certo disperati al posto del giglio al pensiero che nascita e fine siano una sola, e quindi per la disperazione impediremmo a noi stessi di diventare quello che avremmo potuto, anche se solo per un istante.

L’obiettivo di questi scritti è quello di curare l’anima, trovare un modo per calmare l’inquietudine esistenziale dell’essere umano, di cui soffriva molto lo stesso Kierkegaard. Infatti il filosofo consiglia di leggerli ad alta voce, come una preghiera, che debba entrare nell’animo ed edificare.

Non vi anticipo altro, vi lascio al testo, abbandonatevi alle parole senza pregiudizi, soprattutto se non siete cattolici, perché sono insegnamenti che fanno riflettere e vanno ben al di là delle credenze religiose e penetrano nell’anima in modo unico e commovente.

Alla prossima!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...